peter pan Come l’ombra di Peter Pan vago in cerca della mia anima, dei miei pensieri, delle mie volontà.

E mi chiedo cosa voglio veramente, chi sono, cosa mi piace. C’è confusione dentro di me, c’è paura assieme alla voglia di aprirmi alla primavera, a quello che la vita mi può offrire…

Basta che non sia sempre la solita fregatura però….per una volta mi piacerebbe non fare fatica…non sprecare altre lacrime, altro malessere…ma che arrivasse magari silenzioso un sorriso…

Intanto ho capito che basterebbe aprirsi per far entrare un po’ di luce…ma quando si sta male è davvero difficile aprire anche solo una finestrella del proprio cuore…

Poi ci sono i soliti angeli, le solite coincidenze che ti aiutano ad aprire un primo balconcino… per fortuna quelle ci sono !!!