Ciao nonna Gianna

E’ da tanto che non scrivo sul mio blog personale…ne approfitto per farlo oggi, per lasciare il ricordo della preghiera/ricordo che ho scritto e letto al funerale di mia nonna Gianna….

Ciao nonna, sei stata per noi nipoti un punto fermo a partire da quando eravamo piccoli fino ad oggi che siamo ormai grandi e qualcuno di noi come la sottoscritta ha pure un bimbetto. Sono tantissimi i ricordi che abbiamo di te, tu eri la nonna che aveva in casa qualsiasi marchingegno di moda che non aveva nessuno, la nonna Falp come ti chiamavamo perché ci regalavi ogni volta che ti vedevamo un giocattolo, in particolare i puffi…tanto che siamo riusciti a fare una collezione…ma eri anche la nonna che ascoltava gli sfoghi di noi ragazzi e poi doveva ascoltare anche la versione dei genitori,…la nonna che ha assistito a più di una litigata in famiglia, di fronte alla quale commentavi con il solito tuo spirito “ma non potete andare a litigare da qualche altra parte e non a casa mia?”….

Era la nonna che non aveva voglia di andare in giro ma preferiva mangiare e stare a casa propria, la nonna che assieme alla bis nonna giannina guardava i telefilm spaziali, start trek o simili….che giorno dopo giorno ha accumulato una vera e propria videografia di cartoni animati da far vedere ai nipotini…la nonna che se aveva qualcosa da dire te lo diceva chiaro e in faccia senza mezzi termini…

La nonna della sigaretta che bisognava fumare sempre e comunque…non toglietemela, è l’unico vizio che ho …la nonna che  unica chiamava luciano il nonno nonostante si chiami giuseppe, la nonna che brontolava sempre al nonno ma era il suo modo per volergli bene…un bene che sarà sempre per noi un esempio.

Con questi bei ricordi noi ti salutiamo e vogliamo chiederti di starci vicino, di farci da angelo custode assieme alla tua cara mamma Giannina che ricordiamo tutti con il sorriso…perché ne abbiamo bisogno tanto e sempre…e naturalmente, ma questo siamo sicuri che lo farai,  di stare vicino anche al nonno Beppi che è qui e che ha davvero vissuto per te. Ciao nonna, ti vogliamo bene e rimarrai sempre nei nostri cuori.

peter pan Come l’ombra di Peter Pan vago in cerca della mia anima, dei miei pensieri, delle mie volontà.

E mi chiedo cosa voglio veramente, chi sono, cosa mi piace. C’è confusione dentro di me, c’è paura assieme alla voglia di aprirmi alla primavera, a quello che la vita mi può offrire…

Basta che non sia sempre la solita fregatura però….per una volta mi piacerebbe non fare fatica…non sprecare altre lacrime, altro malessere…ma che arrivasse magari silenzioso un sorriso…

Intanto ho capito che basterebbe aprirsi per far entrare un po’ di luce…ma quando si sta male è davvero difficile aprire anche solo una finestrella del proprio cuore…

Poi ci sono i soliti angeli, le solite coincidenze che ti aiutano ad aprire un primo balconcino… per fortuna quelle ci sono !!!