Grazie alle donne che si fanno belle per loro. Grazie alle mie amiche

Arrivo il giorno dopo della festa della donna.

Ma nel giorno della donna ho lavorato fino a mezzanotte come praticamente quasi tutti gli altri giorni.

La mia è una riflessione sulle donne quanto mai importanti nella mia vita…e non lo avrei mai detto.

Anni fa c’era anche una forma di concorrenza /distanza nei confronti delle donne.

Anche se grossi problemi non ne ho mai avuti avendo vissuto  per tanti anni in squadra di pallavolo con tutti i pro ei contro.

Oggi arrivata a 40 anni scopro la bellezza è l’importanza delle donne o per lo meno di alcune donne.

Della mia migliore amica che il giorno della festa della donna mi ha mandato una poesia dedicata sulla forza che dobbiamo avere dentro di noi indipendentemente da tutto e da tutti.

A mia cugina che c’è sempre .

Alle donne e amiche che incontro ogni giorno nel lavoro. A quelle nuove, dolci che si stanno ancora formando. Alle mie colleghe che non concorrono una contro l’altra ma che hanno voglia di collaborare.

Alle donne le mie amiche quelle magari che non sento non vedo molto  e che incrocio. Quelle che leggo ogni mattina e ogni giorno sui gruppi whatsapp e che ormai accompagnano la mia giornata. Quelle che mi scrivono un messaggio per ricordami la bellezza della vita e la nostra forza, quelle che hanno bisogno di un aiuto sul pc.

Quelle del rugby che condividono con me le domeniche mattina, il fango, i figli che crescono con la palla ovale in mano.

Quelle che magari sono molto diverse da me, anche molto vicine, che io forse ammiro proprio perchè sono diverse e io non riuscirei ad essere mai come loro.

Molte sono decisamente più tranquille e forse vivono più serene di me. Le invio un po’ anche se so che non riuscire a fare molte delle cose che fanno loro .

Allora grazie donne perchè oggi a 40 anni mi sento più vicina a voi, più compresa.

Perchè penso che a volte chiediamo troppo agli uomini, ci aspettiamo troppo e invece questo troppo lo dovremmo chiedere a noi stesse.

Dobbiamo farci belle per noi come canta Paola Turci. A volte non ce lo ricordiamo .

Forse l’occasione della festa della donna è un modo per rammentarlo.

 

Annunci

2015 SE NE VA ….in arrivo il 2016!

Il gioco è molto semplice…buttiamo e mandiamo a quel paese il brutto del 2015…cavolo ce n’è tanto però!!!!

 

008

 

 

e allora iniziamo con quel 14 aprile del 2015...con quel licenziamento senza preavviso dopo aver letto il tg…alle 19.00 di sera…licenziata con effetto immediato per esubero del personale…perchè “me dispiase…ma non ghe sè più schei…”…queste le parole con cui sono stata liquidata dopo 15 anni di contratto a tempo indeterminato per Telechiara, dopo anni di onorata carriera, di telegiornali,. di trasmissioni, di dirette…

insomma una bella botta…e una fetta di vita che se ne è andata…che mi stava stretta ma che comunque mi teneva legata, era anche una delle sicurezze della mia vita e che con fatica avrei lasciato andare con un bambino e un mutuo sulle spalle..

lascio andare oltre alla cose belle la falsità dietro alcune persone e la cattiveria di altre che lascio andare anche se mi hanno fatto del male…

ricordo con gioia le trasmissioni inventate di slancio come Mamma o Gollum, le dirette per la morte di Giovanni Paolo II, gli speciali sui giovani…

Dico grazie a Telechiara per avermi fatto diventare una giornalista, avermi accompagnato fino a Roma all’esame di stato e a vincere numerosi premi giornalistici.

 

Butto del 2015 le litigate, i pianti, le sconfitte, la mia fine estate 2015…il malessere mio e di Lorenzo, i sogni infranti, il sentirmi sbagliata…per fortuna ci sono uscita ancora una volta rimboccandomi le maniche e ripartendo …20150815_170038

 

butto anche un’esperienza di lavoro comunitario…che avevo scelto io stessa di fare, avevo convinto le altre persone…per poi accorgermi strada facendo che non era una squadra…che si guardava più a cosa non facevano le altre persone che non a valorizzare l’esistente…e ancora una volta bella sconfitta personale…bella botta…soprattutto per la delusione e amicizie che si sfilacciano….e allora vista la porta lavorativa di telechiara chiusa in faccia…perchè non ricominciare da capo del tutto?

ed eccomi con partita iva, libera professionista sul campo …a mettermi in gioco in prima persona.

 

12063552_10207437846922566_7959917824150819302_n

Questa volta se sbaglio è solo colpa mia…se ho dei difetti anche lavorativamente parlando devio cercare di sistemarli da sola…. e allora magari non sarò ordinata, magari a volte metto tanta carne al fuoco ma mi sono destreggiata e ho cercato di giocare sui miei talenti e la mia capacità di relazione…e qualche piccola soddisfazione me la sono tolta anche se la strada da fare è ancora molta e impervia…

del 2015 butto anche il dimagrimento a volte esagerato in cui cadevo…quando stavo male…

chiedo scusa in questo 2015  anche alle persone a cui magari ho fatto male con le mie indecisioni, con i miei modi a volte incomprensibili per alcuni visto che a volte sono difficile da capire…

Salvo invece alcune cose…

12009790_10207401536854837_3990759131920796341_n

in primo luogo alcune persone…Mara prima di tutto, la mia amica, la mia confidente, la persona che più mi ha sopportato nelle mie lune, pianti, pazzie, nel bene e nel male, parlandomi sempre con sincerità e cazziandomi pure…

una persona che rimarrà sempre nel mio cuore e che spero di avere sempre vicino…e  a cui auguro un 2016 strepitoso..

20151015_111855

Assieme a Mara voglio ringraziare anche gli amici di Admo, una grande famiglia a cui sono vicina e che voglio aiutare a diventare grande ancora di più!

 

 

 

Simone, il mio valoroso compagno di lavoro…ritrovato…dopo 15 anni di Telechiara ora condividiamo gioie, dolori e fatica del lavoro da autonomi…ma mi sopporta anche lui, è sempre calmo, c’è sempre. Per fortuna del passato si raccolgono i frutti anche!

Non posso non citare anche il mio amico Lorenzo che burbero sarà pure ma con il cuore tenero…e che mi ha aiutato anche nelle difficoltà!

 

20150714_184523

E ancora le conferme, i ritorni, i nuovi amici…ch20150806_205215e ci sono stati nel mio 2015.. COMUNICAZIONE E’ DONNA..Romina e Laura ottime amiche e colleghe con cui spero di continuare a lavorare..i miei amici di sempre una conferma della mia vita, Chiara, Marcello e Stefano

 

le mamme amiche con cui condividere anche i bambini…Roberta e Stefania…  la Pucci e la Marzia, due amiche nuove e che spero di vedere e frequentare anche nel 2016… la mitica Elenella che spero torni presto a Padova…e che quando 20150624_202936torna non posso non vedere!2015-08-10-13-47-37-755


Valentina
che quando c’è bisogno è sempre in prima linea, Domenico e Sandra, due presenze storiche che entrambe ci sono state in questo 2015 con forza.
20150825_185858 e ancora Cinzia forza della natura e gli amici a bordo campo del rugby, presenza costante e infangata, Manuel il tutto fare sempre pronto ad aiutare e a lavorare per i bambini

 

zie

 

Le zie della palestra e il mio trainer Michele Mike che mi fa morire …anche dal ridere…assieme al mio allenatore con la A maiuscola che mi sistema la salute ormai da quarantenne Maurizio 

mia cugina Chicca …che ci ha regalato una gioia grandissima…con la nascita di Giovanni, il piccolo Buddha!20151009_194400

 

Un grazie anche alle 20 for leg che mi hanno fatto uscire, travestire da principessa e vivere in un mondo diverso!!!

20150905_005840

 

 

 

 

 

Del 2015 salvo  accendo anche le passeggiate, dalla notturna il 2 gennaio sul Monte Grappa a quelle fatte per rigenerarmi con Lorenzo…

20150829_105723

il mitico Casper…. l’inizio del lavoro con La7..

 e tutte le novità che sono arrivate e arriveranno…sperando che rimangano nel cuore e mi regalino qualcosa di bello…la serenità prima di tutto, che mi facciano essere me stessa, che mi lascino spiccare il volo e anchesognare un po’ che a me piace molto…e fa parte della mia vita…

ecco questo è quello che spero per questo 2016.

Grazie anche a chi non ho citato in questo scritto e che ha fatto parte della mia vita in questo mio 2015, nel bene e nel male, perchè mi hanno comunque fatto crescere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maternità ?

 

Essere e diventare mamme e` davvero una cosa difficile da spiegare se non la si e` provata.

perché e` una rivoluzione copernicana che non lasciera` quasi più niente di uguale nella tua vita , che ti cambia anche i pensieri, il modo stesso di vedere la vita.

e te la mostra più bella perché più reale, più vera, con valori e priorità diverse. lungi da me fare la talebana e inneggiare alla maternità come la cosa che ogni donna deve fare. per fortuna ci sono donne che non sentono la maternità, che preferiscono accudire animali o loro stesse o solo un uomo piuttosto che fare male e infelice la madre a tutti i costi.

dico solo che e` un esperienza molto intensa e che cambia tutto. a partire dalla ricerca della maternità` o anche il rifiuto della stessa per vari e diversi motivi.

da qui il desiderio professionale e personale di indagare sulla maternità o meglio gli estremi della maternità per capire chi perché e come si cerca di avere un figlio a tutti i costi e dall`altra perché si rifiuta un figlio, perché si abortisce o si abbandono un figlio in ospedale appena lo si e` partorito.

Un desiderio che si concretizzerà in un’inchiesta televisiva…che sto realizzando e per la quale ho bisogno del contributo di mamme, non mamme, papà, uomini, nonne…che qualche pensiero su questo argomento ce l’hanno…

 

da mamma che ha partorito 6 anni fa senza grossi problemi di salute o etici e sociali e da giornalista sto vivendo intensamente questa mia ricerca e mio lavoro perché mi sembra di immedesimarmi molto in tutte le storie, le esperienze, le testimonianze che sto raccogliendo. e in mezzo a tutto questo sto cercando di capire il perché e dove sta una ragione, se una ragione c`e` o piuttosto non esiste una ragione ma una scelta dettata da tanti fattori.

 

Molte le storie, i fatti, le esperienze…e su cui rifletto, mi interrogo, mi immedesimo…

Come quello di una mamma che sola ha portato avanti una gravidenza, 9 mesi con il pancione…e in solitaria è andata a partorire con la scelta a monte di abbandonare il bambino in ospedale..perchè quel bambino è figlio della solitudine e dell’infelicità…una mamma per 9 mesi che  poi magari si pente ma non può più fare nulla per la legge italiana…che non vedrà mai il volto del suo bambino, i sorrisi, le lacrime…

Ma anche la storia di tante donne straniere ( quelle che stando ai numeri sono quelle che abortiscono di più)  che arrivano al quarto o quinto figlio e che proprio non ce la fanno economicamente parlando a mantenerne un altro…ma che magari non ci hanno pensato prima…e che magari lo vorrebbero ma il marito non intende allargare la famiglia..

o l’esperienza delle ragazzine che per un momento di amore si ritrovano con questa gravissima scelta da fare…che hanno paura, che non hanno nemmeno la testa per affrontarlo, che si ritrovano gli occhi e i giudizi addosso…che per fortuna stando a quello che ho raccolto dagli esperti sono sempre meno…perché oggi le giovanissime sono informate, conoscono i metodi contraccettivi più delle quarantenni … ragazzine che magari preferiscono andare in ospedale per farsi dare la pillola del giorno dopo…che tecnicamente non è un aborto…non sapendo se si è rimaste incinte…ma un evitare l’aborto…

o le donne che preferiscono non avere un figlio perché non ci sono tutte le condizioni necessarie…come una casa, un compagno, un lavoro, le possibilità economiche… che fanno questa scelta di campo, che antepongono magari il lavoro ad un bambino…e magari si ritrovano a 40 anni a decidere di provare per la prima volta ad avere un figlio… con tutti i rischi e le difficoltà che ne consueguono…compresa la possibilità di non riuscirci…

non è una scelta facile, è sicuramente una scelta che pesa e che rimane impressa nella mente, nel cuore e nel fisico di una donna… tante sono le donne che magari da anziane confessano un aborto che non hanno mai digerito…magari pensando a quello che poteva essere la loro vita con quel figlio mancato…

 

e dall’altra parte della barricata ci sono i medici, anche le donne e mamme medico…che in molti quasi l’800% fanno obiezione di coscienza e non praticano l’aborto…ma anche quelli che lo fanno perché medici…

non so se sia giusto giudicare o mettersi da una parte e dall’altra..perchè in tutte queste scelte c’è una vita a monte, delle difficoltà, delle tristezze anche quando magari non ci si pensa e o lo si fa per evitare un “impiccio”…

 

come non è facile entrare empaticamente e capire chi cerca la maternità a tutti i costi, invadendo il proprio fisico e la propria mente, dando la propria salute in mano ad un medico, cercando anche artificialmente una fecondazione che non arriva…sempre nei limiti di legge, ma comunque non naturale…che magari spende una fortuna per avere un bambino, per evitare la scelta anche questa difficile di un’adozione o di un affido…fortuna che magari non ha…

che attendono quella notizia che continua a non arrivare…mese dopo mese…guardando con invidia chi magari rimane incinta ma non vorrebbe quella gravidanza,…guardando l’orologico biologico e sentendosi inadeguata…

ma anche chi magari sceglie di avere un figlio nonostante la previsione di una malattia dello stesso bambino…malattia magari invalidante…previsioni di ripetuti interventi chirurgici per aiutare il bambino…. Ma anche previsioni di complicanze anche gravi per la salute della mamma in gravidanza o con il parto…e nonostante questo il desiderio di proseguire la gravidanza…anche a costo della propria vita…e una di queste storie purtroppo le mie orecchie l’hanno sentita…con la morte di una mamma preannunciata in gravidanza e intervenuta poco prima dei 9 mesi con la nascita però del bambino…quasi a voler proseguire una vita….

 

Cosa scatta nelle testa di una mamma e del relativo papà?

Come scegliere se essere mamma o se non esserlo?

Quali sofferenze, quali desideri, quali sogni?

 

A voi la parola…e le testimonianze…

La giornata delle donne

la giornata delle donne

Ecco…diciamo che esemplifica bene lo stato delle cose…pensate a quelle donne ( riferimenti a a persone e cose sono puramente casuali ! 🙂 che vivono da sole con un bambino…le cose si complicano!!!!!

Ecco perchè con forza bisogna chiedere a chi amministra un aiuto per le donne…da asili nido aziendali, a flessibilità di orari sul lavoro, a tutele per le donne -mamme….e aiuto e sostegno da chi ci sta vicino…partner prima di tutto, parenti a seguire…

perchè siamo brave, toste e con le palle, ma ogni tanto scoppiamo anche noi.

Donne deboli e maschi forti…ma quando?

 

Mamma tu sei una femmina…spesso mi dice questo il piccolo lorenzino…e ci aggiunge pure che le “femmine sono deboli e i maschi forti”

…non voglio neanche sapere come e quando lorenzo si è fissato questi concetti nella mente ma preferisco fargli capire nella vita reale come vanno le cose…

e purtroppo in questo periodo mi sto accorgendo come sia proprio il contrario, come ci siano tante, anzi troppe donne forti, con le palle, che devono sorreggere molti uomini…

una volta c’erano i cosiddetti uomini padri di famiglia, forti…o forse non erano nemmeno forti ma all’apparenza erano coloro che dovevano sorreggere le famiglie…quando invece era spesso la donna che gestiva le faccende familiari, i figli, etcc….e loro a lavorare…

 o forse erano davvero più forti e più determinati di oggi perchè non dovevano concorrere con le donne, donne in carriera, donne intelligenti, donne che sanno lavorare e anche fare le mamme, donne belle che si tengono in forma anche se hanno 1000 cose da fare…

oggi mi pare che gli uomini si sentano inferiori, spesso spaventati dalle donne e per questo le rifuggono, le trattano male, fanno loro anche del male..perchè non riescono a superare le loro paure e così usano la forza fisica, piuttosto che la violenza verbale per sottometterle..o ancora la falsità, l’opportunismo, l’egoismo…

con questo non voglio dire che tutti gli uomini e le donne sono così …ma nella maggioranza dei casi o meglio dai racconti delle amiche e amici che mi sono vicini sto riscontrando questa “pratica”…

uomini che non hanno voglia di impegnarsi, uomini che mettono al centro loro stessi e poi gli altri, uomini che se gli cambi una carta in tavola vanno via di testa…uomini che piangono invece di tirarsi su le maniche e darsi da fare, uomini lenti…

che tristezza cavolo…mi sento tanto Sex and the city…

DONNE…

donne du du du…cantava Zucchero… e ieri sera mi sembrava di essere proprio in questa canzone.

Serata tra mamme dell’asilo nido di Lorenzo e qualche bimbo ( tra cui Lorenzo)…una grande tavolata di donne che si lamentavano  degli uomini, che rivendicavano la loro libertà ossia il fatto di poter uscire nonostante il bimbo, il desiderio di dormire una notte intera …ma anche tanto amore per i bimbi.

al tavolo anche due mamme che allattavano il secondo fratello/sorella del bimbo dell’asilo nido e tante chiacchiere nonostante ci conoscessimo tutte poco e avessimo in comune solo i bimbi.

Alla fine è stata una serata piacevole, diversa, ma ho come sempre imparato molte cose e visto persone diverse.

Ho visto la mamma che da due anni a questa parte, ossia da quando è nata la bambina, ha chiuso tutto per dedicarsi alla bimba, si è licenziata e non esce mai…a chi tutti i sabati sera con il marito esce e lascia i due bambini alla baby sitter di 17 anni… a chi è già al secondo marito, ha già una figlia di 17 anni, un bimbo di 3 anni e un bambino in arrivo…e parlava a gran voce di vaccinazioni che non ha fatto fare a suo figlio e ha pagato le multe, di scuole steineriane…poi c’era la tedesca che ovviamente ha bevuto birra allattando…la mamma di 4 bambini che ha raccontato come li lascia andare in bici da soli a scuola e quindi fare 6 km all’andata e 6 al ritorno..anche sotto la pioggia perchè lei lavora ( fa l’insegnante del nido) …. la mamma superapprensiva che ha lasciato anche lei il lavoro e dico che controlla anche i respiri che fa il bimbo…a quella che già pensa alla morosetta di suo figlio….

per non parlare dei discorsi sui mariti che brontolano, che sono dei mammoni, che hanno sempre qualcosa da ridire…soprattutto sul cibo…ed ecco allora una sfilza di discorsi su come e cosa preparare per cena ogni sera……

insomma uno sfogo collettivo di tante teste e tante donne che comunque era positivo…anche solo per noi donne che ogni tanto abbiamo bisogno di sfogarci…e chi ci capisce più di un altra donna???

Sex and the city

Ieri sera preoccupata dopo una serata di riunione all’asilo di Lorenzo mi sono messa a guardare la tv…e per evitare Raffaella Carrà prima e Vespa poi ( e ovviamente anche Mentana che parlava di prostutite) ho girato su La 7…e mi sono imbattuta in Sex and the city…e ovviamente ci sono rimasta..per poi mentre la guardavo pensare “ ma sono proprio alla frutta allora se alle 11.30 di sera da sola mi guardo questo film sulle donne single che cercano il principe azzurro!!!!

 

E forse la risposta era positiva …sigh…e la cosa più pazzesca era che mi ritrovavo in certe frasi sulle donne che cercano l’uomo che le salva…che sperano nel principe azzurro…che hanno paura dopo essere state bruciate da una storia d’amore…aiuto!!!!!

 

Per non parlare poi del pre nottata…ossia la riunione dell’asilo di Lorenzo…con tante mamme e papà…ne ho viste davvero di tutti i colori…persone valide alcune, pazzesche le altre..soprattutto qualche mamma-moglie che non aspetta altro che queste occasioni pubbliche per parlare, per farsi bella….quanto difficile farle smettere!

O qualche altro nerds, ovviamente della parrocchia, che non capiva neanche che giorno era e cosa è importante per i bambini, ma con la faccia di quello che va a messa tutte le domeniche, che lavora in parrocchia e che ovviamente si è sposato presto, ha avuto un sacco di figli e ha una famiglia stupenda, sale su un piedistallo e vuole spiegare agli altri come è la vita e di cosa hanno bisogno i bambini…….aiuto!!!

Per fortuna c’è qualcun altro che in silenzio guarda e pensa…e che non vedava l’ora di finire la riunione per andare a casa dal piccolo!

 

Senza contare una sensazione poco positiva che ho avuto io…quella cioè di essere sola rispetto a tente mamme e papà…ma poi guardando bene forse è meglio essere sole che male accompagnate! E allora, come un gatto che si mangia la coda, si ritorna a Sex and the city!!!